Benvenuti al Rotary Club Milano Castello
Sei un professionista esperto che vuole fare cambiamenti positivi nella sua comunità nel mondo? I nostri soci sono persone dedicate che condividono la passione per il servizio alla comunità e l'amicizia.
Diventare un Rotariano significa collegarsi con un gruppo eterogeneo che condivide la volontà di restituire.
Ultime Notizie
Relatore: Stefano Rusconi
Amici carissimi, è stata una serata davvero speciale.
 
Il nostro ospite e relatore Stefano Rusconi è milanese, consulente finanziario e, come ama definirsi, “viaggiatore seriale”.
 
Negli ultimi 23 anni ha compiuto 30 viaggi in 65 differenti stati, come dire…uno con la valigia sempre pronta sotto il letto.
 
L’amico di viaggio, di questo viaggio, è Ambrogio Bagnarelli, ingegnere alla Brembo.
Nell’estate di qualche anno fa hanno utilizzato come guida per il loro peregrinare il libro di Primo Levi “la Tregua”, struggente esperienza di vita dall’uscita dal campo di concentramento di Auschwitz fino a casa nella sua di Torino
 
Luoghi, date, episodi si susseguono nel racconto del nostro relatore ma più che la cronaca colpiscono le emozioni nel ritrovare e scoprire i luoghi descritti.
 
È un viaggio dei ricordi, è un viaggio delle emozioni, è un viaggio delle commozioni ed io sono troppo piccolo per riuscire a trasmettervi quanto ho provato.
 
Mi permetto di riportare per intero l’articolo del giornalista Andrea Rossetti che su L’Eco di Bergamo del 18 novembre 2016 ha scritto dopo aver anche lui ascoltato il racconto di Stefano Rusconi e Ambrogio Bagnarelli.
 
«A volte sembrava quasi che le parole uscissero dalle pagine e prendessero vita disegnando i luoghi che ci circondavano, dando forma alla storia». Mentre lo raccontano, gli occhi di Ambrogio Bagnarelli, 38enne ingegnere della Brembo, e di Stefano Rusconi, 41enne consulente finanziario, brillano, quasi stessero ancora vivendo quell’incredibile viaggio fatto in estate.
​​​​​​
Valter Amerio – Guido Motti – Marco Loro
 
Serata partecipata e collaborativa, con i soci riuniti a progettare il futuro del club; densa di contenuti e solidale nell’atmosfera. Viene innanzitutto comunicato ai soci il conseguimento dell’auspicata autorizzazione al collocamento di una stele a riconoscimento del contributo del club al restauro dell’organo Antegnati. Pregevole strumento realizzato nel 1554 dalla famiglia Antegnati al centro del coro delle Monache nella chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, restaurato col contributo del nostro club, tant’è che chi scrive propose di ridenominarlo Antegnati-Borioli… chissà.
 
Valter Amerio, Presidente Amministrazione e Sviluppi: ha quindi illustrato il calendario delle serate del semestre in corso, raccogliendo anche i suggerimenti dei soci, in modo da creare assieme il relativo programma. Iniziativa molto apprezzata e che non conosce molti precedenti (tranne Craig, dice lui ...). Subito dopo abbiamo ascoltato una esposizione proprio di Craig Sause sulla nuova applicazione ClubRunner per dispositivi mobili. 
Una conviviale partecipata e allietata dal ritorno della più che Rotariana Lucia Arrigoni, spillata e commossa dal benvenuto e dagli applausi della “platea”, oltre che lusingata e sensibilmente compiaciuta dall’enorme mazzo di fiori consegnatole dal Past President Massimo Burghignoli.
 
Una serata rallegrata anche dalla presenza del nostro Inner Wheel, oltre che da un folto gruppo di Rotaractiani.
 
L’argomento non è dei più confortanti, ma i due relatori si distinguono per capacità oratorie e per l’abilità di convincere, rectius tranquillizzare i presenti che il nostro futuro ha tutti i presupposti per essere migliore del presente e che il nostro presente e di gran lunga migliore di quanto è stato il nostro passato.
 
Sembrerebbe una considerazione banale, quella secondo cui il tempo scandisce inesorabilmente il progresso scientifico e sanitario, ma in realtà è proprio dall’introduzione storica del Past President Massimo Burghignoli che è dato constatare che, in realtà, non si tratta meramente dello scorrere del tempo, bensì di casualità e intuizioni di singoli individui, allo stesso modo che, proseguendo, il Dott. Stefano Novati sottolinea l’importanza degli studi che sono seguiti a quelle stesse intuizioni, così gettate le fondamenta di un approccio scientifico che rappresenta garanzia del presente e fiducia nel futuro.
Un poco di emozione, eleganza, clima di affetto ed amicizia, allegria e sorrisi, gioventù e futuro. Questa è stata la Prenatalizia del Rotary Club Milano Castello.
 
Bella idea del nostro Presidente, quella di avere come Segretario il Presidente del nostro Rotaract!  Il nostro Gabriele Bresciani, finalmente senza il tutore che lo ha accompagnato per un infortunio, è una grande cerniera fra le due club, garantendo costanti collaborazioni nei services, nonché ingressi e travasi di nuovi soci ogni anno.
 
Ebbene è stato un piacere essere attorniati da questa massa di giovani che assieme ai nostri “diversamente giovani” affollava la grande Sala delle colonne al Westin Palace.
 
Sempre per merito del nostro Rotaract, il quartetto d’archi della New Pop Orchestra ci ha accompagnato durante la cena con pezzi classici e pop e colonne sonore di noti film, un vero piacere per le nostre orecchie.
Pino Sorbini
 
RACCOLTO 5.565 kg (Superato 2018 + 3.5%)
SUPERATE LE 100 TONNELLATE
di alimenti raccolti dal
ROTARY E ROTARACT MILANO CASTELLO
nelle edizioni di partecipazione alla colletta del “BANCO ALIMENTARE”.
 
Alle ore 8,00 del mattino di sabato 30 novembre 2019 la Task Force di Pino Sorbini aveva già disposto tutti gli strumenti, accessori ed arredi necessari per affrontare con determinazione la 19ma giornata del Banco Alimentare.
 
La giornata, tipica per la stagione, si è presentata fredda ed umida ma non sufficientemente uggiosa da giustificare l’installazione dell’ormai conosciuto gazebo che, come annate precedenti, ci ha riparato da neve e piogge, non forti, ma insistenti e fastidiose.
 
Tutto pronto dicevo, all’esterno come all’interno, il layout era completo e pronto per
l’uso.
 
Tutto pronto anche per i volontari, che con tanto di pettorina identificativa, sorriso a tutto denti, sacchetti nella mano sinistra e volantini in quella di destra, disposti su due file da cinque, certi che in mezzo a loro nessuno avrebbe potuto passare indenne all’accorata richiesta di partecipare, nella misura ritenuta personalmente più opportuna, alla donazione di qualsivoglia contributo alimentare.
 
 
 
 
 
La sera è iniziata con un breve discorso di Pino Sorbini per ricordarci del Banco Alimentare il prossimo sabato 30 novembre.  Come sempre, il servizio si svolgerà presso l’Esselunga di viale Jenner (attualmente in via Legnone). Pino ha segnalato che avremmo bisogno di un po’ più di persone nel pomeriggio. Al momento gli iscritti nel pomeriggio e sera sono piuttosto pochi.  Ha infine ribadito, se mai fosse stato necessario, quanto sia importante partecipare a quello che è diventato il più lungo servizio continuativo fatto dal Milano Castello: 18 anni di fila! (19° quest’anno)
 
Se non si può fare lavoro attivo, è sempre molto apprezzata anche una breve presenza di supporto morale e, perché no, qualche acquisto da donare!
 
È intervenuto poi Massimo Burghignoli, per presentarci il Professor Alberto Rovetta.  Per alcuni dei vecchi soci presenti non sarebbe stato necessario, in quanto Alberto è stato non solo socio, ma anche presidente del Milano Castello diversi anni fa (1995-96).  Il Prof. Rovetta, presente con la moglie Anna, è tuttora rotariano presso il RC San Babila. Non è dunque un caso se, fin dal suo ingresso in sala assieme ad Anna, è stato calorosamente attorniato da soci vecchi e nuovi. A tavola, quando suona la campana, è già amico di tutti. Massimo lo ha ritrovato pochi anni fa presso il Centro Confucio dell’Università Cattolica, chiamato come uno dei dieci italiani più famosi in Cina. Di dodici pagine di curriculum, si limita a ricordare che Alberto insegna (in inglese) robotica all’università dell’aeronautica di Pechino; che nel 1981 ha realizzato il primo robot umanoide, e nel 1993 la prima stazione di tele chirurgia. Nel 2007 ha realizzato il primo rover lunare italiano per il concorso Google Lunar X Prize. 
 
Lo scorso giovedì, in una delle belle sale del Westin Palace, si è tenuta una Conviviale di grande importanza. Sia sufficiente raccontare che si riunivano in Interclub ben quattro Club presieduti, ciascuno dal loro Presidente:
  • RC Milano Castello rappresentato del suo Presidente Guido Motti
     
  • Innerwheel Milano Castello con la propria Presidente Signora Bea Orsini
     
  • Innerwheel Milano Est e la propria Presidente Signora Elena Fontana
     
  • RC Milano Est ed suo Presidente Roberto Fabrini
Per ascoltare che cosa? Beh, il racconto della nascita e del percorso, ormai pluridecennale, di una Associazione importante come quella dei City Angels dalle stesse parole del fondatore Mario Furlan coadiuvato del suo “braccio destro” Sergio Castelli. E lasciamo la parola al fondatore (peraltro anch’esso rotariano affiliato al RC Milano Porta Venezia) che si presenta, come il suo diretto collaboratore, in divisa “di ordinanza”: basco blu a ricordo dei “caschi blu dell’ONU” e felpa rossa colore della Croce Rossa internazionale.
Un doveroso ringraziamento vada alla nostra giovane socia Luisa Gilardi per averci presentato la relatrice della serata, Dott.ssa Montroni, attuale Direttore Amministrazione e Finanza di ATM, (spero che la dizione sia corretta) che ci ha, piacevolmente, intrattenuti sulla storia di ATM, la situazione attuale ed i progetti futuri.
 
 Raramente lo scrivente ha visto una platea così attenta ed interessata all’argomento trattato e ne sia testimonianza il folto numero di interventi dei Soci (Motti, Scaletti, Amerio, Loro, Burghignoli, Reda, Bonuomo, Sorbini) spesso con domande “multiple” alle quali la nostra Relatrice ha risposto in modo esauriente e professionalmente ineccepibile.
 
Probabilmente ciò è dovuto al fatto che tutti noi, milanesi di nascita o per acquisizionesiamo più che interessati allo sviluppo della rete di mezzi pubblici essendone i principali utenti.
 
 

Tema non semplice quello affrontato nella conviviale. Di blockchain oggi si inizia a parlarne molto ma solo alcuni anni fa pochi ne conoscevano l’esistenza.

L’obiettivo della conviviale non era quello di spiegare i contenuti tecnologici della blockchain ma quello di farne intuire le applicazioni. Tuttavia, riportare la definizione che Wikipedia ne dà potrebbe essere utile per comprendere meglio di che cosa stiamo parlando.

La blockchain (letteralmente "catena di blocchi") è una struttura dati condivisa e immutabile. È definita come un registro digitale le cui voci sono raggruppate in blocchi, concatenati in ordine cronologico, e la cui integrità è garantita dall'uso della crittografia. Sebbene la sua dimensione sia destinata a crescere nel tempo, è immutabile in quanto, di norma, il suo contenuto una volta scritto non è più né modificabile né eliminabile, a meno di non invalidare l'intera struttura. Le tecnologie blockchain sono incluse nella più ampia famiglia delle Distributed Ledger, ossia sistemi che si basano su un registro distribuito, che può essere letto e modificato da più nodi di una rete” e “Grazie a tali caratteristiche, la blockchain è considerata pertanto un'alternativa in termini di sicurezza, affidabilità, trasparenza e costi alle banche dati e ai registri gestiti in maniera centralizzata da autorità riconosciute e regolamentate (pubbliche amministrazioni, banche, assicurazioni, intermediari di pagamento, ecc.)” (https://it.wikipedia.org/wiki/Blockchain).

 
Se vedete delle foto con gli amici rotariani con il caschetto bianco in testa, tranquillizzatevi, non siamo andati in una miniera.
 
Ha avuto un intuito tempestivo il presidente Motti o chi collabora con Lui per i temi delle conviviali, nel farci visitare un sito archeologico di grande interesse e appena reso accessibile a tutti.
 
Siamo nei sotterranei della Ca' Granda, il grande ospedale milanese voluto da Francesco Sforza nel 1456 per far fronte ai problemi sanitari e medici della popolazione milanese. Siamo sotto l'edificio in via Sforza, dai bei mattoni rossi capolavoro del Filarete, ora è sede universitaria.
 
È la Ca' Granda per i milanesi anche se questo termine ora viene usato per il complesso di Niguarda.
 
 
COLORI E CALORE
 
Il bi-annuale appuntamento del nostro Club per la giornata detta " ANTIGRAFFITI ", è stata del tutto particolare. Non soltanto per i volontari: tanti - oltre 100 persone fra soci del Milano Castello ed i Rotaract - quanto per il luogo e la commemorazione che è stata la parte più intensa della giornata.
 
Il luogo scelto quest'anno per il service del Milano Castello era nella periferia Nord di Milano, a Baggio. Via Nikolajevka è infatti una traversa di via Forze Armate e l'intervento del cleaning day del 2019, era su un gruppo di case popolari.
 
In questa direzione (delle periferie) su cui ci aveva informato la nostra neo socia Fabiola Minoletti nella conviviale del 19 settembre u.s., si è orientato il Comune di Milano.
 
Fabiola, da anni instancabile operatrice e coordinatrice del service, aveva aggiunto di aver sperimentato che proprio in periferia i muri, una volta liberati dai graffiti, erano 'sorvegliati' dai residenti, che intervenivano spontaneamente a pulirli se venivano di nuovo imbrattati.

 

Il Rotary Club Milano Castello nasce nel 1985 come gemmazione del Rotary Club Milano Sempione con 24 Soci fondatori.  Col passare del tempo l’effettivo è cresciuto fino a raggiungere e superare  le 80 unità, quota toccata a metà degli anni 90.   Ad oggi i Soci attivi sono 45.

I Conviviali sono ogni giovedì alla Westin Palace in Piazza Della Repubblica, 20: ore 20,00 aperitivo, ore 20,30 cena seguita da una relazione. Ore 23,00 suono della campana.  E’ prevista sempre la presenza delle consorti, tranne che nelle conviviali assembleari.

Il club è padrino al Rotaract Milano Castello.

l Club Milano Castello è impegnato in diversi Services caratterizzati da un forte impegno umanitario.

I principali Service attivi nel corso di quest’anno:

  • Banco alimentare: i soci partecipano, prestando la loro opera di raccolta di alimenti presso un supermercato. Il Club Castello in 12 anni ha raccolto più di 83 tonnellate di derrate alimentari pari a oltre 7.000 cartoni.
  • Banco farmaceutico: 24 soci volontari lo scorso febbraio hanno contribuito alla raccolta complessiva di 350.000 medicinali a livello nazionale.
  • Integrazione necessità alimentari bisognosi della Parrocchia S.Angela Merici in Milano: ogni mese soci volontari acquistano/conservano e consegnano mensilmente alcuni bancali di derrate alimentari alla Parrocchia in via Cagliero a Milano.
  • Progetto di informatizzazione del Castello Sforzesco: ormai dal anni il Club contribuisce alla realizzazione di cartelli esplicativi a beneficio dei visitatori del Castello Sforzesco. Più recentemente è partito anche un processo di informatizzazione della biblioteca libraria del Castello.
  • Adesione alle attività organizzate da Associazione Nazionale Antigraffiti: i soci volontari partecipano agli eventi in cui vengono puliti muri imbrattati nella città di Milano.
Club Information

Milano Castello

Service Above Self

We meet Thursdays at 20:00
Westin Palace
Piazza della Repubblica
Milano, MI 20121
Italy
Club Executives & Directors
Presidente
Vice Presidente
Segretario
Tesoriere
Presidente Amministrazione e Sviluppi:
Presidente Comm. Pubblica Immagine:
Presidente Comm. Progetti:
Presidente Comm. Azione Giovanile:
Presidente Comm. Fondazione Rotary:
Consigliere
Consigliere
Consigliere
RCMC Links
 
Rimani Connesso
A.R. 2019-2020
Honolulu
febbraio 2020
L G M M V S D
27
28
29
30
31
01
02
03
04
05
06
07
09
10
11
12
14
15
16
17
18
19
21
22
23
24
25
27
28
29
01
Upcoming Events
Compleanni:
  • Enrico Bottiglieri
    February 8
  • Maurizio Agnesa
    February 15
Website Sponsors

Partecipa a un progetto


Cambia la tua comunità con noi dal volontariato in un progetto locale.

PARTNER CON NOI


Noi lavoriamo con i gruppi e le organizzazioni di tutte le dimensioni di realizzare ancora di più.

Scoprire nuove culture


Scopri e celebrare diverse prospettive con un'organizzazione globale.